bonus mobili ristrutturazione
21
Gen

Novità Bonus Mobili: tutte le detrazioni per ristrutturare casa

Risparmia il 50%:  prorogati gli incentivi del bonus mobili 2021 fino al 31 Dicembre 2021.

La legge di Stabilità approvata a Dicembre 2020, ha confermato molte detrazioni per ristrutturare casa e tra le principali novità leggiamo l’innalzamento del tetto massimo detraibile con il Bonus mobili, che è passato da 10.000 € a 16.000 €.

Un’ opportunità da prendere al volo per chi vuole ristrutturare casa.

Come funziona il Bonus Mobili 2021

Se hai in programma lavori di ristrutturazione nel 2021, o se hai aperto una pratica nel corso del 2020, a partire dal 1° Gennaio 2021, tutti i contribuenti potranno accedere a detrazioni fiscali per l’acquisto di arredi e grandi elettrodomestici.

Le condizioni e le modalità per poterne usufruire sono le medesime degli anni precedenti e chiaramente descritte sul sito dell’Agenzia delle Entrate. 

Potrai acquistare mobili di design ed elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ ( A per i forni e le lavasciuga) e inserire la spesa nelle detrazioni IRPEF al 50%.

Sono comprese nei costi da detrarre anche le spese di trasporto e montaggio dei beni acquistati.
L’acquisto di mobili o di grandi elettrodomestici è agevolabile anche se i beni sono destinati ad arredare un ambiente diverso dello stesso immobile oggetto di intervento edilizio.
Insomma, potrai approfittare del Bonus Mobili per acquistare una nuova cucina anche se hai ristrutturato il bagno.

Come accedere al Bonus Mobili

Per accedere all’agevolazione fiscale dovrai aver eseguito lavori di ristrutturazione dichiarandoli tramite pratica edilizia presso il tuo Comune con CILA SCIA o DIA.

La data di acquisto dei beni dovrà essere successiva alla data di inizio lavori, ma non è fondamentale invece che le spese di ristrutturazione siano pagate prima di quelle per l’arredo dell’immobile. 

Come è abbastanza logico, non  potrai usufruire degli incentivi, se hai richiesto la cessione del credito o lo sconto in fattura.

Il rimborso per il Bonus Mobili

La detrazione, spiega l’Agenzia delle Entrate, indipendentemente dalle spese sostenute per i lavori di ristrutturazione, è del 50% e va calcolata su un importo massimo di 16.000 € (10.000 € fino all’anno scorso). Va ripartita tra gli aventi diritto, in dieci quote annuali di pari importo ed è calcolata su un ammontare complessivo non superiore a 16.000 euro. 

Bonus Mobili senza Ristrutturazione

Purtroppo l’Agenzia della Entrate specifica che il Bonus mobili senza ristrutturazione non può essere emesso.

Bonus Casa 2021

Gli altri Bonus Casa confermati dalla Legge di Stabilità riguardano:

  • Bonus ristrutturazione – Ristrutturazioni edilizie: detrazioni pari al 50% per una spesa massima di 96.000€. Restituzione in 10 quote annuali di pari importo. Possono richiederlo le persone che hanno effettuato lavori di restauro e risanamento conservativo e ristrutturazioni edilizie.
  • Ecobonus 2021: detrazioni del 65% o del 50% per i lavori che riguardano il risparmio energetico. Il massimo di spesa è fissato a 100.0000€.
    L’ecobonus riguarda pannelli solari,  bonus caldaia a condensazione, bonus zanzariere, bonus tende da sole e il bonus infissi e finestre.
  • Bonus Verde: detrazioni del 36% per la riqualificazione urbana da parte di privati e condomini che riguardano terrazzi, balconi e giardini.
  • Sismabonus 2020: detrazioni pari al 110% per interventi di riduzione della classe di rischio per le abitazioni o per le attività produttive. Per i condomini le detrazioni sono maggiori. Il sismabonus è stato rivisto con il Decreto Rilancio.
  • Bonus Facciate:  detrazione del 90% delle spese sostenute per le facciate esterne di edifici. Comprende vari interventi e può essere cumulabile con l’ecobonus nel caso si decida di eseguire lavori influenti dal punto di vista termico.
  • Bonus infissi: detrazione del 50% per la sostituzione di infissi che migliorino la classe energetica dell’edificio
  • Bonus Pompe di calore: detrazione del 65% per impianti di climatizzazione dotati di pompe  di calore ad alta efficienza.
  • SuperBonus 110%: detrazione del 110% per lavori di isolamento termico dell’involucro dell’edificio, sostituzione impianti di riscaldamento, etc…che aumentino l’efficienza energetica dell’edificio di 2 classi energetiche. Il Superbonus 110% è stato prorogato a tutto il 2022. 

Speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza tra tutti questi incentivi per ristrutturare casa, e non dimenticare che Arredolinea ti offre un team di professionisti esperti nelle ristrutturazioni edilizie. 

E se anche tu, come noi, sei convinto che questo sia l’anno giusto per ristrutturare casa risparmiando molti soldi grazie ai bonus casa, non esitare a contattarci per progettare la tua nuova casa.

Nel frattempo guarda alcuni nostri progetti già realizzati.

Arredolinea offre le migliori soluzioni di design per la tua casa, garantendo un servizio “chiavi in Mano“, in cui il cliente viene coinvolto in ogni fase del progetto, dall’idea di partenza al risultato finale.

I nostri consulenti interior designer ti aiuteranno a prendere la decisione migliore per progettare la tua casa.